MONTEMONACO – Blitz nella zona montana da parte delle Forze dell’Ordine: un uomo è stato colto nel trasgredire le regole.

Militari dei Carabinieri Forestali di Comunanza, sono riusciti a scoprire un raccoglitore di tartufi (Tuber Magnatum Pico) che si era riservato, illegalmente la ricerca e raccolta del prezioso tartufo bianco pregiato, disattendendo inoltre le prescrizioni e raccomandazioni impartite con autorizzazione dell’Unione Montana dei Sibillini di Comunanza.

La scoperta è stata fatta in agro di Montemonaco, zona vocata per la produzione naturale del tartufo bianco pregiato. Di fondamentale importanza è stata la segnalazione di un ricercatore di tartufi che si è visto precludere la possibilità di effettuare la ricerca libera su un’area di circa 1000 mq particolarmente vocata per produzione naturale del pregiato tubero, che è stata in breve tempo recintata e tabellata illegalmente.

Il trasgressore è stato sanzionato per migliaia di euro. La cerca del Tuber Magnatum Pico è consentita nel territorio della Regione Marche dall’ultima domenica di settembre fino al 31 gennaio. In questo periodo il prezzo del tartufo bianco è volato a 375 euro all’etto, con un aumento del 50% rispetto alle quotazioni di inizio ottobre. È quanto emerge dall’analisi della Coldiretti in occasione dell’Asta Mondiale del tartufo Bianco che si è tenuta a Grinzane Cavour (Cuneo), in collegamento con Singapore, Mosca e Hong Kong.

Di notevole importanza è la “nuova” Legge della Regione Marche la numero 5 del 3 aprile 2013, in materia di raccolta e coltivazione dei tartufi e di valorizzazione del patrimonio tartufigeno, che prevede anche la riserva della raccolta del tartufo naturale, previa presentazione di un progetto di miglioramento forestale dell’area vocata alla produzione del tartufo, anche con l’utilizzo di semenzai micorizzati.

Una legge innovativa per la tutela del patrimonio tartuficolo regionale, per lo sviluppo della tartuficoltura e la valorizzazione e la conservazione del prodotto destinato ad un consumo di alta qualità.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.