ASCOLI PICENO – Come prevedibile,  nella mattinata del 5 febbraio è arrivato il divieto di accesso ai luoghi dove si svolgono manifestazioni sportive per il 36enne responsabile di comportamenti non idonei all’esterno dello stadio “Del Duca” il 26 gennaio.

Qui il nostro articolo

VIDEO-FOTO Tensione fuori dal “Del Duca” dopo il Ko dell’Ascoli. Zanetti a colloquio con i tifosi

Era da poco terminata la partita Ascoli-Frosinone, terminata 0 a 1 per i ciociari, e il tifo bianconero contestò squadra e società fuori dalla Tribuna Centrale. Il 36enne tifoso del Picchio, residente nel Fermano, aveva lanciato due bombe carta all’interno del perimetro dove erano presenti steward e funzionari della Questura. Una bomba rimase inesplosa.

Il supporter era stato tratto in arresto dalla Polizia di Stato e dall’Arma dei Carabinieri qualche giorno dopo e posto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione.

Qui il nostro articolo

Arrestato tifoso del Picchio: ha tirato due bombe carta alla contestazione post Ascoli-Frosinone

A seguito della convalida dell’arresto la Divisione Anticrimine ha emesso il Daspo triennale con obbligo di firma di un anno presso la Questura di Fermo. Anche quest’ultima prescrizione è stata debitamente convalidata dal Gip presso il Tribunale di Ascoli Piceno e avrà decorrenza dalla prossima partita dell’ Ascoli Calcio.

In caso di violazione è prevista la reclusione da uno a tre anni, la multa da 10 mila a 40 mila euro nonché l’ulteriore aggravamento del Daspo. Nei casi di flagranza è inoltre consentito l’arresto del trasgressore.

Proseguono infine le indagini della Digos, unitamente alla Polizia Scientifica della Questura, dirette alla identificazione, previa visione dei filmati dell ‘impianto di videosorveglianza e delle telecamere mobili, di altri soggetti responsabili della violenta contestazione che saranno conseguentemente denunciati all’Autorità Giudiziaria e sottoposti ad ulteriori Daspo.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.