Follia Ninkovic: esula la quarantena in Serbia, denunciato anche Jovic

Sono stati visti per le strade di Belgrado sia l’attaccante del Real Madrid, Jovic che e il fantasista dell’Ascoli, Nikola Ninkovic, senza rispettare il regime di quarantena previsto dalle norme

Nikola Ninkovic

ASCOLI PICENO – La società bianconera sta facendo gli accertamenti e le verifiche del caso. Si troverebbero in Serbia, visti per le strade di Belgrado sia l’attaccante del Real Madrid, Jovic che e il fantasista dell’Ascoli, Nikola Ninkovic, senza rispettare il regime di quarantena previsto dalle norme emanate per contenere il contagio del coronavirus.

In merito alla presunta notizia, rimbalzata da Belgrado su possibili denunce delle autorità serbe a carico di Nikola Ninkovic per aver ignorato le disposizioni sull’auto-isolamento in vigore in quel Paese, l’Ascoli Calcio 1898 FC SpA sottolinea come in data 11 marzo 2020 abbia fornito precise indicazioni a tutti i propri tesserati in merito ai comportamenti da tenere in questo periodo di forzosa inattività. Comportamenti che richiamano alle disposizioni delle autorità pubbliche e sportive nell’ottica del contenimento della diffusione del Virus Covid 19.

Secondo il ministero della Salute, il numero di casi in Serbia si attesta sui 90.  “Se durante il controllo rileveremo la violazione del regime di autoisolamento, saranno inviati in quarantena”. La premier serba Ana Brnabic: “Abbiamo visto alcuni nostri calciatori che militano all’estero e che sono rientrati senza rispettare le regole di auto-isolamento, sono esempi di cui le nostre autorità dovranno occuparsi”. Il ministro dell’interno Nebojsa Stefanovic ha confermato la denuncia penale nei confronti di alcuni sportivi, senza indicarne l’identità. “Abbiamo denunciato anche alcuni noti esponenti dello sport. Costoro ne risponderanno dinanzi ai giudici”.

 


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
0

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments