ANCONA – Al via la campagna vaccinale per gli over 80 nelle Marche: sono 133 mila gli anziani che hanno più di 80 anni nella Regione, e di questi 9 mila sono stati già vaccinati nella prima fase di vaccino anti-Covid.

La Regione, attraverso l’assessore Filippo Saltamartini, ha disposto quindi una campagna che prevede di somministare vaccini al 70% dei potenziali beneficiari, stimando comunque una percentuale di mancata risposta: quindi circa 100 mila dosi.

La campagna avrà il via il 20 febbraio e, poiché i vaccini adoperati come Pfizer e Moderna, necessitano del richiamo della seconda dose entro 21 giorni, il “primo turno” terminerà dopo 19 giorni, per riprendere con la seconda dose: “Al momento abbiamo dosi vaccinali tali che possiamo andare avanti fino al 5 marzo” precisa Saltamartini, che fa riferimento ai ritardi della consegna delle dosi in tutta Europa. “Oggi è intanto arrivato un furgoncino con le dosi di AstraZeneca anche se, dopo una nota del governo sudafricano circa la sua validità, questo pomeriggio di svolgerà una riunione Stato-Regioni per chiarimenti”.

Non mancano problemi relativi all’insorgere di focolai con le nuove varianti: “Come sapete, ci sono dei casi di variante inglese e questo ci sta portando ad uno sforzo notevole. Dovremo avere presto certezze circa la validità dei vaccini anche per le varianti”.

Saltamartini parla di Marche come modello in campo vaccinale: “Siamo in testa a livello nazionale e altre regioni ci hanno chiesto informazioni sul nostro modello”.

Sarà possibile prenotare da venerdì prossimo o in modalità telematica o telefonica. Dalle 12 alle 14 sarà attivo il sito https://prenotazioni,vaccinocovid.gov.it, oppure il numero verde 800009966. Al momento della prenotazione l’utente saprà il luogo e l’ora dove dovrà recarsi.

Sono stati individuati dei luoghi in tutta la regione. Ne elenchiamo alcuni: a San Benedetto al Palazzetto dello Sportl, ad Ascoli alla Casa della Gioventù, a Fermo il Fermo Forum, ad Amandola l’ex scuola elementare, ad Ancona il PalaRossini, a Jesi, Senigallia e Fabriano i rispettivi Palazzetti dello Sport, a Pesaro l’Arena.

Il piano prevede la somministrazione di 2886 vaccini ogni giorno. “Ci hanno detto che la fornitura sarà presto aumentata – spiega Saltamartini.

Per quanto riguarda gli anziani non deambulanti e coloro che hanno dei problemi negli spostamenti, sarà allestita nei prossimi giorni una piattaforma, con la collaborazione dell’Asur: i medici di famiglia e le strutture sanitarie territoriali saranno coinvolti.

Dopo gli ultra-ottantenni sarà la volta della somministrazione al personale scolastico, forze dell’ordine, vigili urbani, polizia penitenziaria, detenuti. 

“Oltre ad AstraZeneca, alcuni presidenti di Regione hanno chiesto di approvvigionarsi con il vaccino russo o quello cinese”, termina Saltamartini.

 

 


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.