ANCONA – Su proposta dell’assessore regionale al Lavoro-Formazione Stefano Aguzzi sono stati deliberati in giunta i percorsi di Istruzione e formazione professionale, utili per contrastare la dispersione scolastica per i giovani che non intendono proseguire nel percorso abituale dell’istruzione.

“L’intervento prevede l’attuazione di otto corsi biennali finanziati con risorse del Por Fse 2014/2020 per un importo di oltre 1,5 milioni di euro – ha sottolineato Aguzzi – Per ogni corso si prevendono fino a 15 alunni, di età compresa tra i 16 e i 19 anni non compiuti alla data di avvio delle attività formative, che abbiano assolto l’obbligo di istruzione, ma non hanno conseguito una qualifica professionale triennale corrispondente al III livello europeo: questa iniziativa è un modo per tanti ragazzi di riprendere un percorso di istruzione, accrescere le proprie competenze ed essere così preparati ad entrare nel mondo del lavoro”.

Possono presentare domanda di finanziamento, per realizzare poi i corsi, le strutture formative diverse da una Istituzione scolastica e da un Servizio territoriale regionale per la formazione, in forma singola o associata, che, alla data di presentazione della domanda di finanziamento, risultino accreditate o che abbiano presentato domanda di accreditamento presso la Regione Marche. A breve, sarà pubblicato l’avviso per la presentazione delle domande sul sito della Regione.

“I partecipanti ai corsi svolgeranno anche attività pratiche in azienda – ha proseguito Aguzzi – e questa formula darà ancor più valenza all’iniziativa proposta”.

Le Agenzie formative dovranno programmare l’offerta formativa di percorsi biennali sulla base di quanto previsto nel prospetto di distribuzione territoriale di seguito riportato.

 


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.