ASCOLI PICENO – La Cna di Ascoli Piceno organizza la tradizionale Festa dell’Artigiano per premiare gli associati di lunga data e, come sempre, per stare insieme, in sicurezza, ma ricominciando a frequentarci di persona.

Appuntamento conviviale e occasione di approfondimento per la ripresa del nostro territorio, a partire dalla formazione e lo sviluppo digitale a uso di tutte le imprese e in particolare delle nostre aree interne colpite prima dal sisma e ora dalla pandemia.

Nell’ambito dell’evento, si terrà un’assemblea sui seguenti temi: aree interne, cratere post sisma, pandemia. Un quadro pesante ma che sa di “resistenza” e di voglia di ripartire quello che la Cna di Ascoli Piceno analizza nell’Assemblea elettiva territoriale con la quale chiama a raccolta tutto il “saper fare” della nostra provincia. “Misure per chi ha voglia di fare impresa e interventi concreti e immediati per chi non ha chiuso malgrado il concatenarsi di eventi negativi”, commenta Francesco Balloni, direttore della Cna di Ascoli Piceno. E aggiunge: “Recovery Fund e bandi regionali ci danno speranza in una possibilità positiva per tutti noi”.

La Cna Picena sta implementando un sistema di connessione, legato al portale “Picenochebello”, che favorisca la messa in rete di tutto il territorio. Percorsi, natura, tipicità, artigianato tipico e tradizionale. “Tre itinerari emozionali e turistici – aggiunge Arianna Trillini, vice presidente vicario della Cna Picena – che non a caso si chiamano La via del mare, Tra il sale e il vino e Dalla città alla Sibilla. Un percorso ideale che lega i nostri borghi d’arte, la collina, la montagna, il mare e tutto quello che ciò comprende in termini di offerta turistica e offerta di prodotti. Crediamo fortemente in questa sfida che ci renda davvero un territorio in sinergia e competitivo”.

“Dal nostro punto di vista – conclude Luigi Passaretti, presidente della Cna Picena –  un grande investimento sulle aree interne della nostra regione e in particolare sul cratere sismico non è soltanto il modo attraverso cui rilanciare lo sviluppo delle Marche in un’ottica più equilibrata, equa e sostenibile, ma anche la leva da utilizzare per chiedere maggiore attenzione e dare alcune risposte all’intero Centro Italia. Il più grande cantiere d’Europa, che sta già contribuendo alla ripartenza dell’Italia, può essere uno straordinario terreno di sperimentazione per ridurre i divari territoriali, di genere e generazionali, per investire nella sostenibilità e nella transizione digitale, per costruire il prototipo di un Paese più sicuro.

Fra relazioni e interventi, saranno presenti: Luigi Passaretti, presidente della Cna di Ascoli Piceno; Francesco Balloni, direttore della Cna di Ascoli Piceno; Paolo Mariani, direttore generale del confidi Uni.Co; Gino Sabatini, presidente della Camera di commercio delle Marche; Mariano Cesari, presidente della Banca del Piceno; Gian Luca Gregori, Magnifico rettore dell’Università Politecnica delle Marche;  Guido Castelli, assessore al Bilancio e alla Ricostruzione della Regione Marche; Sergio Silvestrini, segretario generale della Cna.  A conclusione dell’Assemblea, alle ore 15, intervento in presenza e online di Andrea Zorzi (supercampione nazionale e mondiale di pallavolo) che parlerà di: “Errori e ripartenze, la vera anima dello sport”.

Appuntamento domenica 12 giugno (ore 10) al Ristorante Parco dei Tigli – Ascoli Piceno

Come ogni anno la Cna di Ascoli Piceno rinnova questo senso di appartenenza con la tradizionale Festa dell’Artigiano. E, come ogni anno, vi chiede per la vostra partecipazione un piccolo contributo di 15 euro per il pranzo.

Dovrete confermare la vostra presenza telefonicamente (ufficio di Ascoli, Monia Capriotti: 0736/42176; ascoli@cnapicena.it – ufficio di San Benedetto, Irene Bellucci: 0735/658948; sanbenedetto@cnapicena.it) in modo da consentirci la miglior organizzazione dell’evento nella massima sicurezza.

“Aspettando di incontrarci per ribadire l’orgoglio di essere coloro che da sempre con il saper fare artigiano hanno saputo mantenere uniti sviluppo e coesione sociale, sia in tempi buoni che in tempi difficili, ti salutiamo con stima e simpatia”.

Il menu della Festa

Beverages: cocktail di frutta fresca analcolici

Spianate di pizza, assortite vol-au- vent parigino, bruschettine, crostini misti: mozzarella e funghi, mozzarella e prosciutto

Fritturine assortite: bocconcini di mozzarella, rostì di patate e straccetti di pollo, arancini, anelloni di cipolla

Panzerotti, olive ascolane tradizionali, verdure pastellate, cremini, affettato misto all’italiana allo specchio con formaggio e bis di carpacci su insalatina profumata in aroma di lamponi

Risotto mantecato al cavolo viola, julienne di verdure e burrata pugliese, ceppe di Civitella fatte a mano ai sapori di bosco

Coscio di vitellina all’Armagnac e patate a rondelle

Dolce

Caffè

Vini doc e bevande


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.