ASCOLI PICENO – Il presidente dell’Unione dei Comuni della Vallata, Alessandro Luciani, interviene sul progetto “Casa di Comunità”.

 

“Tutto fermo – commenta Luciani – E non si capisce se per resistenze, interessi o inerzia. L’unica cosa certa è che, a distanza di pochi mesi dalla scadenza della sperimentazione, prevista per il 31 dicembre 2022, non è dato sapere nulla. L’Ambito Territoriale Sociale 23 viene penalizzato dalla mancanza di strutture sanitarie di prossimità”.

 

Si ricorda che con delibera della Giunta regionale numero 1294 del 25 ottobre 2021 – proprio sulla sperimentazione di Strutture di Prossimità –  era stato approvato un progetto sperimentale nell’Area Vasta 5 per un importo di 1.282.500,00 euro.

Nel territorio dell’Ats23 (Appignano delTronto, Castel di Lama, Castignano, Castorano, Colli del Tronto, Spinetoli e Offida) era prevista l’istituzione di una “Casa di Comunità” per rispondere alle esigenze sociosanitarie della popolazione, situazioni di disabilità in crescita, fragilità e situazioni multi-problematiche.

 

“Il 31 dicembre è dietro l’angolo –  conclude Luciani –  e vorrei anche sottolineare che tutte le procedure sono state espletate dalla direzione dell’Area vasta 5 ed è stata aggiudicata anche la gestione”.


Copyright © 2022 Riviera Oggi, riproduzione riservata.