ASCOLI PICENO – Il Gruppo Arboricoltura coordinato dal Direttore del Dipartimento di Scienze Agrarie della Università Politecnica delle Marche, prof. Davide Neri ha proseguito le attività “in campo” per censire le piante di “ascolana tenera” presenti ad Ascoli, svolgendo i sopralluoghi nel tessuto urbano della città, suddiviso nei sei sestieri.

Il Gruppo di ricercatori interdisciplinari che ha operato il secondo sopralluogo del 15 settembre era composto da Monica Pantaloni, Matteo Zucchini, Samuele Crescenzi, Stefano Chiappini, tutti della UnivPM e Pedro Valverde della Università di Cordoba.

“La proposta del censimento – dichiara il sindaco Marco Fioravanti – è venuta dalla Commissione Consiliare Agricoltura che il 19 maggio nella sua prima seduta operativa ha approvato all’unanimità l’iniziativa. Poi, il 30 giugno l’Università Politecnica delle Marche e il Comune di Ascoli Piceno hanno sottoscritto l’Accordo di Collaborazione tra PP.AA. per sancire il reciproco impegno a censire le piante di ulivo della varietà ascolana tenera e a sensibilizzare i cittadini ascolani sul valore economico, paesaggistico e culturale di questi alberi”.

La Presidente della VII Comm. Consiliare Agricoltura, Biodiversità e Salvaguardia del territorio Micaela Girardi ricorda che “ conoscere l’entità delle piante di ascolana tenera già presenti favorisce il loro inserimento in un virtuoso circuito economico-produttivo locale, che ha anche notevoli potenzialità di attrattiva turistica”.

In vista della imminente prosecuzione del censimento al di fuori dell’area urbana, si rinnova la disponibilità a recepire dai cittadini fotografie con la indicazione della ubicazione di piante di ulivo della varietà ascolana tenera di cui si abbia conoscenza all’indirizzo email [email protected]


Copyright © 2022 Riviera Oggi, riproduzione riservata.