ASCOLI PICENO – Pubblichiamo la mozione, giunta in redazione, sul caso dello sfratto del Tribunale di Ascoli Piceno, presentata in data odierna dai Gruppi del Consiglio Comunale di Ascoli Piceno: “Insieme a Fioravanti per Ascoli”, Fratelli d’Italia, Noi di Ascoli, Forza Ascoli, Cittadini in Comune, Lega. Segue il testo integrale:

«I sottoscritti consiglieri comunali premettono.

La vicenda dello sfratto per finita locazione avviato dalla società proprietaria dell’edificio che ospita il Tribunale di Ascoli Piceno nei confronti dell’Agenzia del Demanio, che lo conduce in locazione, ha determinato una situazione paradossale che mette in serio pericolo l’essenziale servizio giurisdizionale, con grave danno per l’intera utenza del circondario e non solo.

Inoltre, si rischia di produrre un duplice danno alla amministrazione della giustizia.
Al primo danno di carattere eminentemente pratico per il concreto rischio di sfratto in mancanza (ad oggi) di una valida soluzione alternativa, si aggiunge quello non meno rilevante della perdita di credibilità e di fiducia nei confronti della amministrazione della giustizia: infatti, sono stati tenuti completamente all’oscuro gli operatori della giustizia e la comunità tutta in merito allo sfratto per finita locazione che stando a quanto appreso dalla stampa e non smentito decorrerebbe già dal 28 dicembre 2022, e che addirittura sarebbe stato notificato già nel 2020 all’Agenzia del Demanio senza che a ciò conseguisse alcun coinvolgimento delle categorie che in quel luogo quotidianamente svolgono le funzioni giurisdizionali nell’interesse della collettività, a partire dagli avvocati.

Non si può dimenticare che dal dicembre 2017 è stato sigillato l’archivio dei fascicoli presente nel piano seminterrato del Tribunale, per una mal avviata bonifica da amianto dei fascicoli cartacei, che venne interrotta senza mai essere stata ripristinata, nonostante le vibranti proteste dell’avvocatura.

Tale noncuranza ha creato gravi danni ai cittadini che hanno avuto negato l’accesso ai fascicoli che li riguardavano e hanno dovuto subire notevoli ritardi nella tutela giurisdizionale.

Al Sindaco di Ascoli Piceno dr. Marco Fioravanti

Al Presidente del Consiglio Comunale avv. Alessandro Bono

Al Segretario Generale dr. Vincenzo Pecoraro

Peraltro, il Tribunale di Ascoli si continua a presentare da anni con questa grave lacuna nei giudizi pendenti dinanzi alla Corte di Appello di Ancona, quale unico foro della Regione che riscontra da ben cinque anni un tale malfunzionamento dovuto soltanto a problemi nelle procedure di appalto per la scelta della impresa che dovrà completare la semplice bonifica dei soli fascicoli cartacei.

La stessa noncuranza verso le funzioni giurisdizionali di interesse collettivo che si svolgono in quel luogo, si manifesta oggi di fronte a questa procedura di sfratto per finita locazione, che rischia di portare entro pochi giorni alla chiusura del Tribunale di Ascoli nella sede di piazza Serafino Orlini, inaugurata nel 1954, chiusura che rappresenterebbe un grave e ulteriore impoverimento del tessuto sociale ed economico della città di Ascoli Piceno, già duramente colpita dalle conseguenze del sisma del 2016, come testimoniato dalla continua progressiva emorragia di residenti, pertanto

Il Consiglio Comunale

impegna il Sindaco e l’Amministrazione comunale ad adoperarsi con urgenza per individuare ogni efficace ed opportuna soluzione che scongiuri esiti pesantemente negativi per la città derivanti da questa vicenda.

Ascoli Piceno, 14 dicembre 2022

Micaela Girardi
Alessandro Filiaggi, Capogruppo “Insieme a Fioravanti per Ascoli” Daniela Massi, Capogruppo Fratelli d’Italia
Emidio Premici, Capogruppo Noi di Ascoli
Laura Trontini, Capogruppo Forza Ascoli
Mario Tacchini, Capogruppo Cittadini in Comune
Mauro Agostini, Capogruppo Lega».


Copyright © 2023 Riviera Oggi, riproduzione riservata.