ARQUATA DEL TRONTO – “Sono soddisfatto della presa d’atto della Regione, è giusto destinare parte dei fondi delle donazioni per un comune che resta comunque simbolo dei territori colpiti dal sisma nelle Marche”.

Questo è il pensiero del primo cittadino di Arquata del Tronto, Aleandro Petrucci, dopo le parole di Luca Ceriscioli, presidente della Regione Marche, in merito agli investimenti da attuare nel Borgo Piceno.

“Nel comune di Arquata i cantieri per le Sae di Arquata sono partiti in tutte e otto le aree. Nell’area di Pescara del Tronto sono entrate le famiglie ed entro il 20 agosto avremo la fine del montaggio delle casette per le aree di Borgo, Pretara e Piedilama – afferma Petrucci – Saranno pronte per la seconda fase di urbanizzazione. In merito alle macerie ad Arquata rimosse 43 mila tonnellate. Rimosse gran parte delle macerie pubbliche, liberate strade e aree pubbliche su Pretare, Piedilama, Borgo, Pescara del Tronto, Capodacqua, Spelonga e Faete. Restano da portare via macerie in alcune aree secondarie delle frazioni“.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 389 volte, 1 oggi)