PAGLIARE DEL TRONTO – Nella mattinata del 4 gennaio è stato dato il via libera alla rimozione dei manifesti di protesta di vari residenti in via Tevere a Pagliare del Tronto contro la struttura che doveva ospitare inizialmente migranti e poi minori non accompagnati.

La palazzina è stata incendiata da ignoti nella notte di Capodanno, i carabinieri indagano per individuare i responsabili.

“Abbiamo trovato una via ragionevole assieme al comitato, quella del buon senso. In questi giorni il comitato è stato un po’ strumentalizzato e di scalpore ne ha fatto, in tutta Italia. Penso che abbiano capito anche loro che di rumore ne è stato fatto troppo” aveva affermato il sindaco Alessandro Luciani a Piceno Oggi.

Ma nella comunità c’è qualche “malumore” per questa decisione e alcuni striscioni sono rimasti nella casa, tra l’altro semidisabitata, affianco alla palazzina incendiata. I carabinieri sono sul posto per accertamenti.

Stasera avverrà una riunione “infuocata” del Comitato Cittadini Spinetoli per discutere della questione e non sono escluse altre forme di protesta.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 931 volte, 1 oggi)