ASCOLI PICENO – Si guida a sinistra in Inghilterra. In paddock si rischia lo scontro ad ogni curva tra chi ritiene sia porto franco e chi ha la regina nel cuore. Fortunatamente, sul tracciato del bellissimo circuito di Silverstone, dodicesimo round mondiale, non fa differenza e, soprattutto, vanno tutti nello stesso senso. Siamo pure sempre vicino a Londra e anche il tempo, per definizione, è instabile, fa freschino e piove a sprazzi. Ombrello sotto il braccio. Dopo il risultato positivo ottenuto dai Kingsmen del team Marinelli Snipers sul Red Bull Ring, si spera di continuare a raccogliere punti importanti. Circuito veloce, apprezzato soprattutto da Romano Fenati. Qui, lo scorso anno, il pilota di Ascoli conquistò la pole position. Il tracciato è lungo 5.9 km e presenta 18 curve (10 a destra e 8 a sinistra), combinando curvoni veloci e lenti con tratti di rettilineo. 

Romano Fenati: “Silverstone mi piace perché è un tracciato adatto al mio stile di guida. Lo scorso anno abbiamo fatto la pole qui. Dobbiamo tener d’occhio il meteo perché ci sono condizioni variabili e temperature più rigide rispetto alle ultime gare”.

Tony Arbolino: “Ho continuato ad allenarmi, dopo l’Austria, e mi sento in forma e pronto per affrontare un altro weekend. Speriamo di tenere il ritmo che abbiamo avuto al Red Bull Ring e continuare a migliorare di gara in gara”.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.