ASCOLI PICENO – Gli allevatori ed agricoltori del territorio nei giorni scorsi hanno risposto all’invito della Cia Marche e Copagri Marche per discutere le prospettive inerenti la nuova Pac 2021/27. I lavoratori provenienti dal territorio piceno e teramano si sono riuniti presso la sede dell’agriturismo Case Rosse di Poggio di Bretta.

Le due associazioni hanno prospettato una piattaforma di lavoro aperta a tutti gli imprenditori agricoli per formulare una proposta a misura di territorio in grado di ridare dignità ad un settore fondamentale, specialmente nelle aree interne e terremotate.

«Nonostante vorremmo un reddito scaturito solo grazie alle nostre produzioni, i contributi Pac rappresentano una fetta molto importante del nostro esiguo reddito – fanno sapere dalla Cia Marche e Copagri Marche – per questo motivo risulta fondamentale pensare alla prossima programmazione in una prospettiva lungimirante che miri non solo al sostegno degli attuali tutori del territorio e dell’ambiente, ma anche come certezza per far avvicinare e restare nel settore i giovani. Ciò a garanzia di un concreto ricambio generazionale».

La Cia e Copagri proseguono nel loro servizio di supporto a tutti gli imprenditori.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.