ANCONA –  Emergenza Coronavirus, come cambierà l’Italia dopo l’Epifania?

Marche in quale fascia finiranno? Francesco Acquaroli, presidente della Regione Marche, afferma in una nota diffusa nella serata del 4 gennaio: “Siamo in attesa delle decisioni del Governo rispetto alla classificazione in fasce delle regioni. Noi vogliamo fare la nostra parte ma occorre chiarezza, non aggiungo altro”.

Intanto Scuole Superiori marchigiane con didattica a distanza, no a lezioni in presenza. Acquaroli dichiara: “Il 5 gennaio firmerò l’ordinanza con la quale disponiamo di proseguire la didattica a distanza per le scuole superiori fino al 31 gennaio. È stata una decisione sofferta ma non possiamo fare altrimenti, l’appesantimento delle strutture ospedaliere e delle terapie intensive va prevenuto e i numeri evidenziano un segnale di ripresa del contagio che va frenato”.

Qui il nostro articolo precedente

Didattica a distanza nelle Marche fino al 31 gennaio, ordinanza il 5 gennaio

 

L’assessore Mirco Carloni intanto scrive: “La giunta regionale si è confrontata questo pomeriggio in merito all’andamento epidemiologico nelle Marche e, anche a seguito della concertazione avuta dall’assessore all’istruzione con il mondo della scuola, ha deciso di far proseguire la didattica a distanza per le scuole secondarie di secondo grado, statali e paritarie, al 100% fino al 31 gennaio. Per questo il Presidente della giunta regionale, Francesco Acquaroli, emanerà domani, martedì 5, un’ordinanza che formalizza questa decisione, assunta allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus e garantire quanto più possibile la salute e la sicurezza dei cittadini e la tenuta delle strutture ospedaliere. Il provvedimento entrerà in vigore il 7 gennaio e disporrà che le istituzioni scolastiche di secondo grado continuino a svolgere le lezioni tramite il ricorso alla didattica a distanza al 100%. Restano garantite in presenza le attività laboratoriali e quelle per alunni con disabilità o bisogni educativi speciali. La giunta si riserva comunque la possibilità di revoca o modifiche del provvedimento sulla base”.

Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.