VERONA – Nella giornata di inaugurazione  del Salone internazionale del vino, i vigniaioli biologici delle Marche, hanno voluto esprimere tutta la loro indigniazione contro le trivellazioni in mare, alle ore 11 nel Padiglione 8 si sono riuniti per una mobilitazione in vista del referendum del 17 aprile.

“Il nostro petrolio è la bellezza, la bellezza ci fa pensare alto e noi la buttiamo via come se fosse danaro dentro tasche bucate”. E’ iniziato con queste parole del poeta Tonino Guerra il flash mob che nella mattina del 10 aprile, ha visto decine di vignaioli biologici italiani unirsi per dire no alle trivellazioni nei mari italiani, indossando una maglietta realizzata appositamente per l’occasione. Lanciato dal consorzio di viticoltori bio Terroir Marche, il flash mob ha coinvolto anche numerosi visitatori del Salone internazionale del vino di Verona, che hanno sospeso per alcuni minuti le degustazioni ascoltando il messaggio letto dagli organizzatori.

“La bellezza grida i suoi dolori in modo silenzioso. Bisogna curare le orecchie di chi comanda perché riescano a sentirla. La bellezza è il nutrimento della mente. La bellezza in Italia puoi anche incontrarla per strada e ti riempie subito di stupore. Ma nei piccoli mondi c’è tanta bellezza che sta morendo. Se noi la salviamo, salviamo noi”.

Al termine della lettura del brano di Tonino Guerra vignaioli e visitatori si sono uniti in un brindisi collettivo dedicato alla bellezza, dandosi appuntamento alle urne per il “sì” in occasione del referendum del prossimo 17 aprile.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 204 volte, 1 oggi)